Regione Campania

Suona la campanella, gli auguri del Sindaco

Pubblicato il 8 settembre 2019 • Comune , Cultura , Giovani , Scuola

Carissime studentesse e carissimi studenti, è giunto il momento di tornare fra i banchi di scuola e il suono della prima campanella è sempre un po’ speciale perché racchiude ansia, ma anche entusiasmo, speranza e quella sensazione di fiducia nel futuro che solo il primo giorno di scuola riesce a trasmettere.
A nome mio personale, dell’Assessore alla Pubblica Istruzione e di tutta l’Amministrazione Comunale di Pellezzano, vi auguro un anno scolastico meraviglioso, ricco di nuove opportunità educative e socializzanti e che abbia la gioia come fedele compagna di viaggio.
La scuola vi permetterà di aprire la mente e il cuore alla realtà e vi educherà al vero, al bene e al bello, tre lingue, quella della mente, del cuore e delle mani che bisogna usare insieme per crescere e diventare individui liberi e autonomi. Sappiatela valorizzare per trarre da essa il senso della storia e la forza del futuro. Studiate con impegno e passione perché “l’istruzione è l’arma più potente che potete utilizzare per cambiare il mondo” (Nelson Mandela).
Auguro buon lavoro alla dirigente scolastica, a tutto il personale docente e non, a quanti con ruoli e responsabilità diverse, pur tra molteplici responsabilità, si impegnano quotidianamente con amore, professionalità e competenza, perché la scuola diventi sempre più luogo di relazione e palestra di vita.
Un augurio particolare va ai genitori perché collaborino con gli insegnanti nell’educazione dei loro figli, condividendo le responsabilità della loro crescita e formazione umana e culturale e siano sempre disponibili al dialogo e al confronto con le istituzioni.

L’Amministrazione Comunale continuerà ad essere al vostro fianco; nell’anno trascorso, nonostante le criticità nelle quali si è trovata ad operare e le note difficoltà economiche, essa ha dimostrato con fatti concreti il proprio supporto al mondo scolastico.
Come auspicato, i bambini di Pellezzano capoluogo e della frazione Capriglia frequenteranno la classe prima nella scuola primaria di Capriglia. Ci abbiamo creduto, abbiamo lottato e ci siamo riusciti.
Nel corso dell’anno scolastico trascorso numerose sono state le occasioni di incontro con gli studenti, la dirigente e gli insegnanti; abbiamo affrontato temi e problematiche importanti, dedicando appositi incontri sui temi della cultura della legalità e della cittadinanza attiva.
Continueremo a promuovere e sostenere progetti formativi ed educativi perché la scuola è un atto di speranza che si rinnova ogni mattina e deve poter contare su progetti condivisi e su contesti fatti di collaborazione e disponibilità.
Con Affetto.

Lettera

Allegato 221.00 KB formato jpeg
Scarica